LE BIRRE ARTIGIANALI

prodotte da Labeerinto Modena

Le birre di Labeerinto Modena sono tutte artigianali, prodotte nel micro birrificio con metodi totalmente naturali e senza additivi di nessun genere. Si inizia con la macinatura del malto,acquistato solo dai migliori produttori specializzati; una volta macinato il malto viene cotto in acqua e filtrato e fatto bollire con il luppolo. Nuovamente filtrato, il mosto ottenuto viene raffreddato, dopodiché si aggiungono i lieviti, si lascia fermentare e si procede con la parte sicuramente più interessante: la spillatura e la degustazione!
Tutte le birre di Labeerinto Modena sono lavorate secondo questo procedimento, in modo artigianale e con grande passione e dedizione del team.
L'unione delle persone è al centro del progetto: la birra è un elemento comune che permette alle persone di ritrovarsi e di scambiare opinioni e pareri in totale serenità.

Stout

Birra ad alta fermentazioneper eccellenza, la nostra Stout é caratterizzata da un colore molto scuro e da un sapore forte, intenso, tostato. Gusto deciso e tendenzialmente amaro, a fronte di una gradazione alcolica non troppo pronunciata: la Stout é una vera e propria birra da intenditori. La particolarità più evidente dei malti utilizzati per la produzione della birra Stout è il loro grado di tostatura: questi cereali vengono infatti tostati in modo marcato, e questa operazione fa sì che il loro colore si imbrunisca notevolmente e che il sapore acquisisca quel particolare e caratteristico aroma abbrustolito, che racchiude in sé anche note di caffè, liquirizia e cioccolato. Una curiosità “linguistica”: il termine stout, in inglese, significa “robusto”, “tenace”, ma nella sua accezione birraia sta a significare “sapore forte”. Il primo utilizzo del termine stout risale al 1677, quando in un documento storico inglese ci si riferiva ad una tipica birra forte. Inizialmente qualsiasi birra dalla gradazione alcolica elevata, anche chiara, poteva essere definita Stout; tuttavia, a partire dal 1800 circa, questo termine rimase ad indicare solo le birre molto scure.

Colore: marrone scuro quasi nero
Malto impiegato: Maris Otter Pale, Black Roasted, Chocolate, Biscuit, Dark CaraMunich
Luppoli: Challenger, Goldings. East Kent
Alcol: 4,6%
IBU: 25,3
EBC: 59,03


Ipa

Indian Pale Ale (da qui l'acronimo IPA) era principalmente destinata all'esportazione in India per il consumo dei sudditi inglesi. Fu proprio questa necessità di conservazione per lunghi viaggi che portò ad un impiego marcato del luppolo, che contiene sostanze acide antiossidanti.
Birra ad alta fermentazione piuttosto alcolica e luppolata, tradizionalmente prodotta con malti, luppoli e lieviti inglesi. Lo stile originale ha un aroma erbaceo e fruttato, un corpo medio/leggero, un'amarezza decisa ma bilanciata dal dolce dei malti caramellati utilizzati in quasi tutti gli stili inglesi. Tenore alcolico solitamente tra i 5,5 e i 7%.

Colore: ambrato
Malto impiegato: Pale Maris Otter, Crystal 60L
Luppoli: Challenger, Goldings. East Kent
Alcol: 6,2%
IBU: 49,9
EBC: 25,3


Helles

Questa birra artigianale non pastorizzata viene prodotta a bassa fermentazione, un procedimento che porta sicuramente via più tempo ma assicura un risultato migliore ed é nel pieno rispetto dell'originale stile tedesco. Per ottenerla si impiega un solo tipo di malto di tipo pilsner e luppoli di ceppo tedesco. Questi 3 fattori - malto, bassa fermentazione e luppoli tedeschi - fanno sí che la nostra helles abbia le caratteristiche tipiche di una "bionda", rendendola un'ottima birra sia da pasto che da bere in compagnia. Tali caratteristiche vengono esaltate grazie alla cura nelle fasi di lavorazione: dopo un accurato ammostamento infatti il mosto viene bollito utilizzando esclusivamente luppoli tedeschi e la fermentazione é condotta a bassissime temperature per indurre i lieviti a lavorare lentamente e sviluppare una miscela di composti aromatici fini e leggermente floreali. Terminata la fermentazione si esegue un'adeguata lagherizzazione per 4-5 settimane a bassissima temperatura per ottenere una birra limpida e priva di impurità, dopodiché si può eseguire la carbonazione che avverrà in circa 10-15 giorni. Avremo cosí un prodotto stabile nel gusto e nella schiuma e dall'ottima bevibilità.

Colore: biondo pallido
Malto impiegato: pilsner
Luppoli: Hallertauer Perle, Hallertauer Hersbrucker, Hallertauer Mittelfrueh
Alcol: 5%
IBU: 20,7
EBC: 8,5


Weizen

Questa birra artigianale non pastorizzata a base di frumento viene prodotta ad alta fermentazione. Per ottenerla si usa una miscela di malto di frumento e di malto pilsner e luppoli di ceppo tedesco, oltre al lievito tipico per questo tipo di birra. La cura nelle fasi di ammostamento e di fermentazione fanno sí che la nostra weizen diventi un'ottima birra dal basso contenuto alcolico, dalla schiuma persistente e dal forte aroma di banana e di chiodi di garofano. Birra di un colore giallo scuro tendente all'arancio, torbida e dal cappello di schiuma intenso, non è molto amaricata, al contrario esalta i gusti di malto. La storia narra che i primi a produrre questa tipologia di birra a base di frumento siano stati i monaci nei conventi per via del costo minore rispetto all'orzo, stile che si è poi espanso nella zona della Baviera dove si trovano le più rinomate marche di weizen.

Colore: giallo scuro
Malto impiegato: malto di frumento e pilsner
Luppoli: Hallertauer Perle, Hallertauer Hersbrucker,Hallertauer Mittelfrueh
Alcol: 5,1%
IBU: 13,5
EBC: 11,4


Ale

Ale è il termine usato per indicare le birre ad alta fermentazione, che cioè impiegano nel processo lieviti del ceppo saccharomyces cerevisiae, i quali prediligono temperature elevate e, durante il processo (che risulta, quindi, piuttosto rapido), salgono in superficie del tino di fermentazione; il risultato è un sapore dolce, dal corpo pieno e fruttato con un amaro che rende il tutto ben equilibrato dato da luppoli nobili inglesi.

Colore: giallo dorato
Malto impiegato: Pale, Vienna, Pils, Frumento
Luppoli: East Golding, Saphir
Alcol: 5,3%
IBU: 16,9
EBC: 8,6


Marzen

Märzen è uno stile di birra, della famiglia delle pale lager, le cui origini risalgono al XVII secolo. È una birra a bassa fermentazione, più forte di una lager comune, e necessita di temperature inferiori a 10 gradi durante il processo di fermentazione. Il suo nome deriva dal mese di marzo (in tedesco: März) perché era prodotta alla fine della stagione birraria. La legge bavarese del 1539 stabiliva che la produzione di birra era consentita soltanto tra le festività di san Michele, il 29 settembre, e di san Giorgio, il 23 aprile. Durante l’estate la produzione era vietata per il pericolo di incendi, e alle caldaie di miscela veniva apposto un sigillo ufficiale. In assenza di refrigerazione artificiale, per evitare che la birra perdesse sapore e tenore alcolico, i mastri birrai bavaresi crearono questa birra più alcolica e luppolata capace di conservarsi per circa sei mesi in modo da resistere ai mesi estivi ed essere consumata in settembre-ottobre. In Germania questo stile è spesso caratterizzato da un corpo tra il medio e il robusto, un sapore di malto, e una varietà di colori, solitamente compresi tra il marrone pallido e il marrone scuro.

Colore: marrone pallido
Malto impiegato: Vienna, Monaco, Crystal 60L
Luppoli: Hallertauer Perle, Hallertauer Hersbrucker, Hallertau Hersbrucker
Alcol: 5,7%
IBU: 23,2
EBC: 22


Blanche

La bière blanche (in lingua francese) o witbier (in lingua olandese), traducibile in entrambi i casi come "birra bianca", è prodotta principalmente in Belgio, ma anche nel Nord-Est della Francia e in Olanda. La differenza saliente rispetto alle Weissbier o Weizenbier risiede nel largo uso di frumento non maltato (fino al 50% del totale dei grani) anziché del frumento maltato utilizzato nelle corrispondenti tedesche. Era prodotta seguendo in parte la tradizione medievale, in cui anziché usare il luppolo (oltretutto vietato nell'antica legge francese) si ricorreva a una mistura di erbe e spezie note in olandese come gruut: nella ricetta moderna questo è composto di coriandolo, arancia, arancia amara e luppolo. Questa mistura conferisce alla birra un sapore più fruttato e acidulo del corrispondente tedesco, e risulta molto rinfrescante d'estate; inoltre la birra subisce una seconda fermentazione nella bottiglia.

Colore: giallo paglierino
Malto impiegato: Pilsner, White Wheat, Fiocchi d'avena
Luppoli: Hallertau
Alcol: 5,3%
IBU: 27
EBC: 11